Rudy Davi

(Ferrara 1978) vive e lavora a Ferrara. Si laurea in architettura con pieni voti presso l’università di architettura di Venezia con una tesi inerente la progettazione del nuovo studio di registrazione della band U2 a Dublino.

Dopo aver lavorato per alcuni studi a Venezia e Ferrara, nel 2005 si trasferisce in Olanda dove lavora presso lo studio Snitker/Borst e successivamente per lo studio Dok architecten ad Amsterdam.

Durante la sua formazione in Olanda inizia diversi progetti in ambito residenziale e pubblico in Italia e partecipa a numerosi concorsi internazionali tra cui Europan 9 e 10 in cui si classifica nelle prime 5 posizioni.

Nel 2009 rientra in Italia e fonda a Ferrara lo studio |dare-architettura| dove si occupa sia di progettazione architettonica in ambito pubblico e privato, sia di design. Nel campo del design inizia a sviluppare oggetti in cui nel linguaggio emerge sempre un connubio tra forma e meccanica.

Nel 2010 partecipa al workshop “Progettare la sostenibilità 4” tenuto dall’architetto Martin Hass dello studio Behnisch Architekten, vince il concorso per partecipare all’evento di OpenDesignItalia e si classifica 3° al concorso Beeh Design Contest con la lampada Pilastro.

Nel 2011 partecipa al Fuorisalone di Milano e all’evento OpenDesignItalia selected a Bologna.

Nel 2012 è invitato a esporre all’evento Habitat a Ferrara sezione giovani designer e viene selezionato tra i 10 migliori designer Emilia Romagna per la partecipazione all’evento OpenDesignItalia 2° edizione a Venezia.

Nel 2013 risulta vincitore del concorso Lexus Design con la lampada Klava, si classifica 3° alla mostra-mercato MeMe exposed presso Ferrara con un suo repertorio di oggetti ed entra a far parte della commissione bandi nel quadriennio 2013-2017 presso l'ordine degli architetti di Ferrara.

Nel 2014 viene premiato da Cino Zucchi ottenendo la menzione speciale per il concorso "La ceramica e il progetto" come secondo miglior progetto italiano realizzato con l'uso della ceramica per la categoria istituzionale.

Nel 2015 riceve il riconoscimento per il premio Barbara Cappochin come dieci migiori opere realizzate nella Regione Veneto.

Nel 2016 vince il secondo premio nel concorso di progettazione per la realizzazione di un nuovo asilo con palestra nella città di Stoccarda. Nello stesso anno viene selezionato per entrare a far parte della commissione qualità architettonica per il Comune di Codigoro.

Nel 2017 viene chiamato per condurre due worksop in materia di design del prodotto industriale e design d'interni presso l'istituto d'arte Dosso Dossi di Ferrara.

Nel 2018 riceve l’incarico per partecipare alla commissione per la valutazione dell’offerta tecnica per l’aggiudicazione dei lavori di restauro di Villa Mensa, bene vincolato presso Ferrara ed entra nella CQAP del Comune di Fiscaglia.

Nel 2019 vince la gara ad inviti per la realizzazione dell’allestimento del nuovo info turistico del plesso museale dell’abbazia di Pomposa ed in seguito riceve l’incarico per far parte della CQAP dell’Unione dei Comuni Valle e Delizie di Argenta - Portomaggiore e Ostellato.

Nel 2020 vince il concorso per la riqualificazione dell’area lido Bagni e la realizzazione del nuovo porto turistico a Torri del Benaco sul lago di Garda, vince il concorso per l'ampliamento del cimitero di Zevio e la gara per il rifacimento della facciata del Comune di Codigoro. Nello stesso anno entro nella CQAP del comune di Mesola.

CV

rudydavi[at]dare-architettura.net